Il restauro del dipinto «Il chiaro mondo dei beati» di Elisàr von Kupffer

Di Petra Helm e Christian Marty, Ars Artis

 

Concetto per preservare il dipinto

Dopo la morte di Eduard von Mayer nel 1960, il Sanctuarium Artis Elisarion di Minusio andò in rovina. Anche il panorama è stato danneggiato, soprattutto a causa dei danni causati dall'acqua a causa del tetto che perde. Nel 1973, alla morte dell'ex governante, il controllo del palazzo passò alla comunità di Minusio. Dopo anni di scambi politici, è stata presa la decisione di trasformare la casa in un centro culturale per la comunità.

Il dipinto circolare, salvato da Harald Szeemann, ha trovato posto in un padiglione sul Monte Verità. Anche le condizioni del dipinto si sono notevolmente deteriorate nella nuova posizione.

L'associazione Pro Elisarion – nata nel 2008 con l'obiettivo di preservare l'opera di Elisàr von Kupffer e Eduard von Mayer e di farla conoscere ad un pubblico più ampio – ha fornito lo slancio decisivo. Si potrebbe sviluppare un concetto per la conservazione a lungo termine e una presentazione contemporanea del dipinto circolare, che finora è stato trascurato. Anche la spiritualità e l'aura, come regnavano dopo il 1939 nel Sanctuarium di Minusio, dovrebbero essere rese nuovamente tangibili.

Oltre al restauro complessivo del ciclo pittorico, il concept comprendeva anche la ricostruzione di una parte perduta del quadro di 1,8 x 2,5 metri, una replica del baldacchino distrutto dopo il 1973, e una piccola mostra di accompagnamento su Elisàr von Kupffer mondo del pensiero.

L'idea centrale del concetto di restauro per il dipinto era basata sull'idea di combinare le 17 singole parti del dipinto di forma irregolare in un quadro rotondo, analogo ai grandi panorami del ottocento. Per ottenere ciò, le singole strisce di pittura sono state attaccate a un anello di legno (corona di arcareccio), unite e allungate in un cerchio sul bordo inferiore del dipinto con l'aiuto di pesi e un anello di metallo. Il dipinto alto 3,3 metri ha ora una circonferenza di 28,6 metri e un diametro di circa 9,0 metri, che corrisponde a un'area di 94 m2.

 

Lavori di conservazione

Tuttavia, per poter iniziare i lavori di restauro, l'edificio esistente ha dovuto essere ristrutturato per garantire la sostenibilità del restauro e per soddisfare gli standard museali.

Affinché i lavori di costruzione potessero essere eseguiti senza danneggiare il dipinto, le singole strisce di quadri sono state appese in un telaio rotante appositamente costruito e protette con strisce di plastica (Fig. 1 e 2). In questo modo, la conversione potrebbe essere eseguita senza mettere in pericolo l'immagine.

Poiché le singole parti del quadro erano in pessime condizioni di conservazione, le innumerevoli pieghe e onde della tela dovevano essere livellate con l'ausilio di un aspirapolvere e di appositi tavoli aspiranti in una prima fase di lavoro. Anche lo strato di vernice sfaldato è stato rinforzato in questo modo e quindi salvato. Il dipinto potrebbe quindi essere pulito per restituirgli alcuni dei suoi colori originariamente vivaci.

Una grande sfida è stata l'unione dei percorsi dell'immagine completamente irregolari per fissarli in una linea esattamente retta alla corona di arcarecci. Ciò è stato ottenuto attaccando strisce di tessuto in modo da ottenere il rettangolo necessario per la tensione. Per poter fissare le strisce di pittura all'arcareccio, sono state lavorate delle strisce di plastica perforate nei bordi (Fig. 4).

I percorsi dell'immagine dovevano quindi essere posizionati in modo tale che le immagini si adattassero esattamente dopo essere state collegate. L'iperboloide tipico dei panorami è stato ottenuto attraverso l'anello di metallo sul bordo inferiore dell'immagine e i pesi fissati all'immagine. (Fig.5).

 

Il restauro

Il restauro del dipinto può essere eseguito solo dopo che questo lavoro è stato completato. Poiché il budget era limitato, si è deciso di ritoccare prima il cielo fortemente danneggiato in modo che lo spettatore avesse un'impressione più uniforme del dipinto. Gran parte del dipinto deve essere completato in un secondo momento per poter rivivere i colori e la luminosità originali del dipinto Elisàr von Kupffer.

 

La ricostruzione

Una parte molto significativa dei lavori di ricostruzione ha riguardato l'aggiunta della parte del quadro sopra l'ingresso. La cosiddetta «Supraporte» (circa 3,5 m2) è considerata perduta ed è stata ricostruita utilizzando una foto storica in bianco e nero in modo tale che il dipinto circolare possa essere nuovamente presentato come chiuso. Prima di fare ciò, è stato necessario creare una nuova situazione di ingresso da una struttura a pali di legno (Fig. 6 e 7).

Per quanto riguarda il resto del design dell'area di ingresso e la copertura nella parte superiore e inferiore dell'immagine, è stata scelta una combinazione di colori semplificata e contenuta.

Per poter rivivere l'esperienza storica del «Santuario» per il visitatore, il baldacchino all'interno del quadro circolare è stato ricostruito da vecchie foto e acquerelli insieme alla sua decorazione floreale.

Lo schema dei colori dell'anticamera si basa su un acquerello di Elisàr von Kupffer, che mostra l'anticamera originale in un blu scuro.

 

 

 

 

 

 

I lavori di restauro e ricostruzione del dipinto sono stati eseguiti da Petra Helm, Christian Marty e Wolfgang Müller.

La tettoia è stata ricostruita da Roger Martin in collaborazione con l'associazione Pro Elisarion.