Elisarion > opera pittorica > Il dipinto circolare > 14
Il dipinto circolare «il chiaro mondo dei beati» di Elisarion: Davanti alla roccia della Luce
12345678910111213scena 1415161718192021222324252627282930313233

Davanti alla roccia della luce

«Trono di roccia, come ti guardo entusiasta,

Aureo risplendi, bianco nevoso sulla cima,

Ti innalzi nel blu e le acque rumorose e

Felici al mare scorrono.


Guarda come un arco dai setti colori chiaro risplende!

Appari davanti a lui – tu che ci mancavi!

Salve! Galleggi quale riscattato lottatore

Del Chiaro Mondo messaggero!»


«Quale vista nella valle dei fiori!

Ti salutiamo nel mondo della gioia,

Dove hai compiuto la tua opera

Martire del Chiaro Mondo!»


«Com’è meraviglioso il bel Chiaro Mondo!

Qui vive lo spirito divino senza odio e menzogna,

Nessun demonio, qui c'è vera pace,

Verità e amore!


Tu, coppia amata, in preghiera inginocchiata,

Sì, da cuore a cuore l'amore è preghiera,

Nel mondo della luce è il culto.

Unite le vostre mani!»


«Così ben si sogna – profondamente dei fiori il regno,

Da odio e tempeste indisturbati:

Qui di Dio è ordine, dal mondo del

Caos lontano.»

Scena 14

Una figura dalle braccia dispiegate, lievitante. Sullo sfondo un arcobaleno. Un'altra figura, vista da dietro, le si rivolge come in atto di culto, mentre un'altra ancora, che sembra pure sul punto di librarsi in aria, rivolge lo sguardo verso due efebi – uno dai capelli corti e biondi, l'altro moro con i capelli lunghi – inginocchiati l'uno davanti all'altro su di un tappeto. Infine, una figura rappresen­tata da dietro sta adagiata in un prato e osserva la scena sorreggendosi il capo.